Come fare blogging per la tua attività



Avete un’attività o un’azienda e volete promuovervi anche attraverso un blog?
Siete capitati nel posto giusto.

In questo post vedremo:

  • cos’ è un blog
  • le tipologie di blog
  • i vantaggi
  • cos’è un piano editoriale e come si costruisce

Prima di spiegare come fare blogging dobbiamo definire cos’è un blog .
Il blog è uno spazio web , un luogo di interazione dove è possibile esprimere le proprie idee ,la propria professione o promuovere un’attività commerciale.
Molti si chiederanno qual’è la differenza tra un sito web e un blog.
Un sito web è una vetrina online, statica della vostra attività; il blog è un contenitore dinamico, aggiornato costantemente, fatto di contenuti che devono interessare il potenziale cliente .

Esistono diverse tipologie di blog:

fashion blog dove  solitamente si raccontano le ultime tendenze di abiti, accessori o collezioni.

travel blog è un luogo virtuale dove si racconta di viaggi. L’identikit del travel blogger è un appassionato di viaggi che racconta le sue esperienze di viaggio in una veste più personale (diario di viaggio). Ad oggi sono un punto di riferimento per tutti coloro che vogliono fare una vacanza e cercano informazioni attraverso il web.

food blog: in questa tipologia si scrivono recensioni e ricette

-blog di tecnologia

blog aziendali:l’azienda si racconta, dalla sua storia alle varie iniziative

Ed è proprio di quest’ultima tipologia che parleremo.

I vantaggi di aprire un blog sono:  fidelizzare il cliente ,avvicinarei potenziali clienti, stimolare gli utenti attraverso dei contenuti ,interagire e migliorare il posizionamento sui motori di ricerca.





Ma come si fa?

Innanzitutto è importante scrivere dei contenuti di qualità e utili , ovvero che diano delle informazioni e consigli che la gente solitamente cerca.Questa regola vale per chiunque, anche se volete fare personal branding
L’efficacia si determina da un ottimo piano editoriale .

Vediamo come impostare un piano editoriale.

Il piano editoriale è la strategia che vi permette di organizzare e pianificare i contenuti che dovrete inserire nel blog.
Per impostare una strategia dobbiamo tener presente alcuni aspetti:
-qual è il target di riferimento?
-quali  sono gli argomenti ?
-quali sono gli obiettivi?
-quanti post scrivere a settimana?

Per esempio se avete un’agenzia turistica potete scrivere post sui luoghi più belli da visitare durante l’anno, sulle varie regolamentazioni sui bagagli, sui documenti che occorrono per andare fuori dai confini europei e ancora tanto altro. Come esempio ,secondo me, dovete dare uno sguardo al blog di un noto tour operator : ilmioviaggioanewyork.com .

Se invece avete un negozio di tecnologia, potete aiutare le persone a risolvere alcuni problemi. In tal senso molto famoso è il blog di aranzulla.it .

Per capire gli argomenti più ricercati su Google, vi consiglio di guardare Google Trends, uno strumento utile per definire gli argomenti.



La struttura di un post efficace deve avere i seguenti punti:

-titolo , il primo elemento che deve attirare l’attenzione del lettore , tanto da convincerlo che vale la pena di leggere tutto il post

– all’inizio scrivete già di cosa si parlerà in tutto il post

-immagini di buona qualità (scopri qui dove trovare le immagini gratuite)

-corpo del testo dove si esamina l’oggetto del post

-call to action – il post in questione deve servire a convincere chi vi legge a comprare un vostro prodotto o servizio. Un esempio di call to action è ” scopri le nostre offerte per le tue vacanze” oppure in alternativa ci mettete un bannerino .

All’interno del post evidenziate in grassetto i termini che per voi sono più importanti (parole chiave), questo permette l’immediata comprensione del testo.

Un blog per essere tale deve essere composto dalle categorie e tags.
Entrambi permettono di organizzare i contenuti del blog.
Le categorie sono delle classificazioni per argomento a livello generale.
I tags sono sono delle etichette (keywords)che troviamo sotto i vari post .

Una volta che avete impostato un post , dovete condividerlo sui vostri account social con delle brevi introduzioni, invitando la gente a scoprire il vostro blog.

Come in ogni cosa, è fondamentale la costanza . Questo non significa che dovete aggiornare ogni giorno il blog aziendale, ma basteranno almeno 2 post a settimana.

RIMANI AGGIORNATO.ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER





Annalisa

Appassionata di digitale, di Puglia e naturalmente di Ginosa, la Città della provincia di Taranto dove vivo.